//Una riflessione su Gallerie, Fiere e Sistema dell’Arte – Pt. 1

Attualità della parola in due atti

Francesco Correggia

Per una Galleria di Arte Contemporanea resistere sulla scena dell’arte per più di cinque anni è già un risultato notevole, una dimostrazione di continuità e d’impegno, soprattutto quando il gallerista appartiene a quella singolare schiera di giovani che inizia un’impresa, la progetta dal niente, la segue e la fa fiorire. Il mondo dell’Arte è un mondo difficile dove s’incontrano o si scontrano differenti posizioni e non sempre fra artista e gallerista nasce un progetto comune, un’avventura poetica condivisa. Molte volte il gallerista pensa di realizzare mere operazioni commerciali mentre l’artista, quando lo è per davvero, al contrario, guarda al mondo della ricerca e della sperimentazione, avventurandosi in territori sempre più perigliosi, a volte incomprensibili, a cose e ambiti di ricerca che solo lui e altri artisti che lavorano nella medesima situazione sanno interpretare, conoscere, approfondire. Non ci si fida reciprocamente e a volte anche il pubblico, così acclamato, inseguito, bramato, sembra escluso, rimanendo fuori da questa tensione di energie se non da un punto di vista delle operazioni commerciali e di mercato. Bisogna comunque dire che la distanza fra pubblico e collezionista sembra abolita. Orami si può accedere a un opera d’arte contemporanea a prezzi ragionevoli e il pubblico sta diventando sempre più consapevole della posta in gioco. Il grande pubblico delle Fiere dell’arte è sempre più numeroso e disponibile a comprare. Ora la domanda che si fa avanti è un’altra: che cosa l’aspirante collezionista sta comprando? Che cosa si mostra nelle Fiere?

Art Basel, 47esima edizione, Basilea (2016)

Tutti sappiamo ed è noto, senza entrare nel merito degli aspetti ormai conosciuti della diffusione e circolazione dell’Arte Contemporanea, che muoversi in questo vasto territorio vuol dire fare sistema, creare relazioni tra diversi soggetti dell’arte e non solo tra artista e gallerista. Far sistema vuol dire mettere insieme competenze e ruoli diversi, salvaguardandone le specificità. Ciò che caratterizza oggi la peculiarità e la singolarità dell’arte è proprio la sua tendenza all’internalizzazione, a una prassi di sistemi misti, mediali e anche curatoriali, in maniera e in una logica sempre più aperta e dinamica. Le parti di questo sistema, il quale si presenta come un tutto ben registrato sono: artisti, gallerie pubbliche e private, Istituzioni culturali, Musei di Arte Moderna e Contemporanea, collezionisti, fondazioni, manager, curatori, critici, editori, riviste di settore, alcune Biennali e Fiere internazionali. Senza questo sistema la Galleria rischia di soccombere. Essa vive un momento di crisi. Per rimanere dentro il sistema e farsi in qualche modo riconoscere essa deve accettare di essere presente nelle Fiere dell’arte che ormai in Italia, oltre a quella di Bologna e Milano, sono tante. Il meccanismo delle Fiere spinge sempre di più le Gallerie nella dimensione del mercato e non in quello della ricerca. È proprio questo che le allontana non solo da ciò che finora abbiamo pensato ma anche del vero valore dell’opera d’arte.

Frieze, Londra (2015)

Armory Show, New York (2018)

 
 
 
 
 

Giampaolo Prearo Editore

Piazzale Libia 1
20135 - Milano
+39 02 70009095

Ultimi Articoli

Immagini/testo e media – Francesco Correggia

25 Luglio 2018
Informiamo i nostri lettori che il Blog Prearo Editore sospende per un breve periodo la sua attività di pubblicazione di testi e immagini. Il ciclo di testi dedicati all’arte...

Due libri sulla pittura – Francesco Correggia

12 Luglio 2018
Sono stati pubblicati di recente da due note case editrici due libri sulla pittura: uno di Julian Bell per i Saggi Einaudi con il titolo Che cos’è la pittura? e l’altro del noto artista...

2019-07-02T14:57:34+02:00